Davvero bellissima da leggere è stata, nei giorni scorsi, l’intervista rilasciata da Yasmina Reza a Caterina Bonvicini. Ha fatto venire voglia a me, lettore di soltanto alcuni suoi testi teatrali e spettatore di un film da lei sceneggiato (Carnage, di Polanski), di leggere finalmente i suoi romanzi, di cui in molti luoghi e da molte persone colte si dicono cose meravigliose. Ma anche solo l’intervista basta (ed è cosa che succede di rado) a riconoscere il talento puro della scrittrice, lucido e senza esitazioni. Per questa risposta, ad esempio:

  • Penso che gli oggetti siano dei nemici intimi. Vivono la loro vita: cadono, scompaiono, non funzionano, invecchiano come noi. Siamo sempre minacciati dagli oggetti, abbiamo una relazione continua con loro, e non è una buona relazione. Non andiamo d’accordo.

O anche per questa fantastica considerazione sul talento (qui brillantemente commentata da Annamaria Testa, per chi avesse il tempo):

  • Quando si ha talento, è molto facile essere falsi. Il talento è pericoloso, perché si è a proprio agio con le parole. A un tratto qualcosa suona bene, è carino… Si può essere facilmente provocatori e inutilmente violenti, però funziona.

O infine per questo passaggio così lirico sul passato che ci insegue e non ci dà pace:

  • Gli avvenimenti decisivi sono come la luce delle stelle morte, sono cose viste e sentite in un certo momento, ma la loro luce persiste.

Ma insomma, mi fermo e vi rimando di là, dove l’intervista è completa e la voce della scrittrice si sente più forte e intensa. Non senza avvertirvi, però, che non vi dimentichiate di questa pagina, per colpa di Yasmina Reza; perché seguono qui sotto due postille, forse altrettanto interessanti.

Prima postilla. Mi dicono che da ieri mattina anche la lingua italiana (la nostra cara mamma, di cui tanto abbiamo parlato nei giorni scorsi) ha un suo social network. Si chiama Beatrice (ci mancherebbe altro) e lo trovate qui. E tra qualche giorno, se ne avrete voglia, ci troveremo insieme anche di là a parlare in italiano, e magari sarà bello.

Seconda postilla. Se avete figli in età scolare, (o se siete semplicemente rimasti un po’ fanciullini in età scolare, anche se adulti) a questo link trovate uno splendido video che in tre minuti vi riassume mille anni di mutamenti geo-politici in Europa. Io, ve lo confesso, davanti ai confini che ballano e agli stati che nascono, muoiono e rinascono, sono rimasto incantato.

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

a volte un piccolo editore

“A volte un piccolo editore”, mi verrebbe da ripetere, anche qui, subito dopo il titolo. Per provare a ribadire che […]

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]