Le parole per dirlo

Rapidamente, perché so che non avete tempo da perdere. Ricordate quel bell’articolo a cui vi ho rimandato nel primo scritto della rubrica l’oblò? Ecco, l’articolo era questo; e un po’ ne abbiamo riparlato anche ieri qui, a dire il vero. Ed ecco anche che ne è uscito il séguito, una breve postilla meravigliosamente corredata di:

 

  • …una breve lista di parole inglesi che usiamo più o meno correntemente, spesso per abitudine, o perché il corrispondente termine italiano, magari, non ci viene in mente subito. La lista non è certo esaustiva e siete più che caldamente invitati a proporre integrazioni, o cambiamenti.

 

Se avete tempo vi suggerisco di darci un’occhiata e, perché no, di proporre nei commenti davvero le vostre integrazioni; perché immagino che il lessico medico sia un’inesauribile miniera di parole inglesi usate non troppo utilmente.

Davide P.
La mia pagina Facebook: https://it-it.facebook.com/davide.loscorfano

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)