A cura di Claudio Fresco

Uno studio estremamente interessante è stato presentato al congresso dell’American Heart Association di Chicago, e riguarda il rischio di demenza nei pazienti cronicamente trattati con un anticoagulante orale tradizionale associato a un antiaggregante. In questo studio 1031 pazienti con fibrillazione atriale ma senza precedenti neurologici e senza storia di demenza sono stati classificati in tre gruppi a seconda della percentuale di valori di INR superiori a 3. Il gruppo in cui l’INR era risultato superiore a 3 almeno il 25% delle volte (240 su 1031) ha sviluppato segni di demenza molto più frequentemente rispetto al gruppo in cui i valori di INR sono risultati superiori a 3 in meno del 10% delle misurazoni (HR 2.40 p<0.001). Tutto questo è successo in un gruppo di pazienti in cui il TTR è risultato superiore al 70%, quindi molto meglio dei trials randomizzati. Lo studio, ancorché piccolo, ci insegna che il rischio neurologico associato alla fibrillazione atriale e al suo trattamento va anche oltre gli eventi catastrofici e ovviamente clinicamente evidenti come gli stroke e i TIA, ma si estende a un cronico microdanneggiamento che, almeno teoricamente, potrebbe essere prevenuto usando farmaci che danno meno fluttuazioni dei livelli di anticoagulazione.

Bunch TJ. Abstract #13426; Chicago, American Heart Association Scientific Session 2014.

Fresco ohibò luglio F1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Claudio Fresco
Presidente eletto Responsabile Scientifico Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche Azienda Ospedaliero-Universitaria “Santa Maria della Misericordia” - Udine

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)