Fondazione

Il gruppo di studio “Aterosclerosi, Trombosi e Biologia Vascolare” è nato nella seconda metà degli anni novanta grazie all’iniziativa di alcuni cardiologi ospedalieri che avevano ravvisato la necessità di trovare un luogo d’incontro per discutere, ma soprattutto per lavorare, su argomenti centrali allo sviluppo della cardiologia.

Erano gli anni in cui il rapido sviluppo di nuove terapie anti-trombotiche aveva generato forti entusiasmi nei confronti della possibilità di controllare efficacemente le conseguenze cliniche della trombosi coronarica.

Fin dall’inizio il gruppo ha voluto essere trasversale e arricchirsi dell’esperienza di chi già da tempo lavorava in questo settore in un ambito non solo cardiologico e non solo ospedaliero. Riconoscimento a questa impostazione iniziale è stato l’inserimento del gruppo nel Consiglio della Federazione Italiana di Cardiologia, luogo preposto a raccogliere le rappresentanze scientifiche della cardiologia italiana.

Quale terapia anticoagulante durante la gravidanza in portatrici di protesi valvolari meccaniche?

A cura di Seena Padayattil (altro…)

due libri magari sorprendenti

Anzitutto una rapida (ma essenziale) nota, stamattina, per segnalarvi l’imperdibile post in cui si descrive un epistolario di natura religiosa […]

Alirocumab efficace nei pazienti diabetici: i risultati dei trial ODYSSEY DM-Insulin e DM-Dyslipidemia

A cura di Ivana Pariggiano (altro…)

spogliarsi delle vesti

C’è una risposta molto interessante, entro un’intervista altrettanto interessante, che ho letto ieri sul web: l’ha data Antonio Di Grado, […]

sonnambulismi letterari

… attraversiamo la vita reagendo alle situazioni che ci sono familiari attenendoci sempre allo stesso copione: diciamo “bene” quando ci […]