Fondazione

Il gruppo di studio “Aterosclerosi, Trombosi e Biologia Vascolare” è nato nella seconda metà degli anni novanta grazie all’iniziativa di alcuni cardiologi ospedalieri che avevano ravvisato la necessità di trovare un luogo d’incontro per discutere, ma soprattutto per lavorare, su argomenti centrali allo sviluppo della cardiologia.

Erano gli anni in cui il rapido sviluppo di nuove terapie anti-trombotiche aveva generato forti entusiasmi nei confronti della possibilità di controllare efficacemente le conseguenze cliniche della trombosi coronarica.

Fin dall’inizio il gruppo ha voluto essere trasversale e arricchirsi dell’esperienza di chi già da tempo lavorava in questo settore in un ambito non solo cardiologico e non solo ospedaliero. Riconoscimento a questa impostazione iniziale è stato l’inserimento del gruppo nel Consiglio della Federazione Italiana di Cardiologia, luogo preposto a raccogliere le rappresentanze scientifiche della cardiologia italiana.

una paradossale utilità

Come l’autore del post che segnalo oggi, poco più sotto, anche io frequento la lingua e la letteratura degli scrittori […]

di prima primavera

Immersi quasi all’improvviso nel primo fine settimana di primavera, mentre anche l’ora sta per cambiare e legalizzarsi, e le giornate […]

Carnap Rudolf (1891­-1970)

Il lavoro di Carnap si rifece alla grande tradizione matema­tica e logica tedesca. Dopo l’avvento al potere di Hitler Carnap […]

lo stesso gioco

Oggi c’è un post che mi ha fatto venire voglia di rileggere tanti libri di uno stesso scrittore, che da […]

una sfiducia

Vorrei dire chiaramente, oggi che ne è la (f)utilissima giornata mondiale, che la poesia fa male; crea disagio, mette in […]