A cura di Claudio Cuccia

«Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?» Chi non ricorda una delle frasi più celebri di Nanni Moretti, vecchia di quasi quarant’anni (Ecce Bombo, 1978) e attuale più che mai? La frase ora sembra calzare a pennello per il D-dimero, il più famoso dei prodotti della degradazione della fibrina. Fino a poco tempo fa, infatti, il D-dimero contava solo se non c’era, la sua ‘negatività’ faceva risparmiare un sacco di tempo quando sorgeva il sospetto di un’embolia polmonare. Ora, invece, anche la sua presenza comincia a farsi valere. Vediamo dove e vediamo perché.

Nei pazienti in fibrillazione atriale conoscere quale sia il rischio tromboembolico non è cosa da poco; è vero, abbiamo il CHA2DS2VASc, ma spesso, di fronte ai suoi punteggi bassi, decidere se anticoagulare oppure no non è scelta facile. Ecco presentarsi il D-dimero, eccolo offrirsi come marker prognostico nei pazienti fibrillanti. Agneta Siegbahn, svedese di Uppsala, in compagnia di illustri esperti (avrà fatto tutto lei e gli altri avranno solo messo la firma?), descrive il comportamento del D-dimero nei pazienti con fibrillazione atriale anticoagulati e arruolati nello studio RE-LY (1). I pazienti più anziani, quelli con i valori di CHA2DS2VASc più elevati, con un filtrato renale ridotto e le donne, presentavano i valori basali di D-dimero più alti.

CUCCIA d-dimero F1

Nei pazienti anticoagulati con warfarin o dabigatran, i valori di D-dimero correlano in modo indipendente col rischio di stroke o di embolia sistemica (e anche con quello di morte cardiovascolare e di emorragia maggiore, non riportate nella figura), e sempre se in associazione ad almeno un altro fattore di rischio di stroke. Il dato, come abbiamo detto, può essere di grande aiuto soprattutto quando il valore del CHA2DS2-VASc non pare sufficiente a confermare la necessità dell’anticoagulazione.

CUCCIA d-dimero F2

Dabigatran riduce i livelli del D-dimero molto meglio di quanto non faccia warfarin, a dimostrazione del suo effetto maggiore nella prevenzione del tromboembolismo e della mortalità cardiovascolare (150 mg) e delle emorragie maggiori (110 mg).

Cuccia D-dimero F3

A supporto della sicurezza sul versante dei sanguinamenti – soprattutto gli intracranici –, i livelli di fattore VIIa risentono ben poco dell’anticoagulante diretto, a differenza di quanto invece accade con warfarin.

Il D-dimero torna quindi a farsi sentire, e come sempre ci aiuta quando il dubbio affiora, il sacrosanto dubbio del «farò bene o farò male?»

Insomma, per buona pace anche di Nanni Moretti, se è vero che i medici a volte non sanno ascoltare, è altrettanto vero che studiano, leggono, pensano, e fanno di tutto perché i farmaci siano dati a ragion veduta, non siano inutili e ancor meno siano dannosi.

Una cosa però l’ho imparata da tutta questa vicenda. No, anzi, due. La prima è che i medici sanno parlare, però non sanno ascoltare, e ora sono circondato da tutte le medicine inutili che ho preso nel corso di un anno. La seconda cosa che ho imparato è che la mattina, prima della colazione, fa bene bere un bicchiere d’acqua.

Nanni Moretti, Caro diario

Si brindi al D-dimero, con qualcosa di meglio di un bicchier d’acqua!

 

Bibliografia

  1. Siegbahn A. et al. D-dimer and factor VIIa in atrial fibrillation – prognostic values for cardiovascular events and effects of anticoagulation therapy. A RE-LY substudy. Thromb Haemost 2016;115:921-930.

[Scarica in formato PDF]

Tags:

Claudio Cuccia
Presidente, Webmaster Direttore del dipartimento cardiovascolare, Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

la chiave che non abbiamo buttato

“In carcere si aspetta sempre qualcosa, il medico, l’agente, l’educatore, il volontario, il pasto, la messa, una lettera. Nella mia […]

Commento allo studio COMPASS

A cura di Maurizio Del Pinto (altro…)

Studio CANTOS: nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Studio COMPASS: efficacia dell’associazione rivaroxaban ed aspirina nei pazienti con vasculopatia aterosclerotica stabile

A cura di Antonella Potenza (altro…)

Idarucizumab: Risultati finali dello studio RE-VERSE AD

A cura di Antonella Potenza (altro…)