A cura di Claudio Fresco

CIN CIN per coloro che vivono dalle mie parti è l’augurio che ci si scambia prima di un brindisi, CIN CIN per quelli non proprio giovincelli era la sigla di un programma cult di vent’anni fa, Colpo Grosso. CIN per i medici è però anche l’acronimo inglese di Contrast Induced Nephropathy, in italiano Danno renale da mezzo di contrasto, che è stato per anni definito in numerosi studi come l’aumento post-procedurale della creatinina superiore al 25% rispetto al valore basale. Più recentemente la definizione della CIN è stata rivista e l’aumento della creatinina necessario per parlare di CIN deve essere superiore a 1.5 volte il livello basale.(1)

Per anni è stato lo spauracchio dei cardiologi clinici e degli emodinamisti, dopo che è stato dimostrato che i pazienti che sviluppano una CIN hanno un rischio di mortalità a 30 giorni otto volte superiore a quello dei pazienti che non sviluppano una CIN (16.4% vs. 2.0%, p<0.0001) e 4.5 volte superiore a tre anni (22.4% vs. 5%, p<0.0001). Per questo motivo, le Linee Guida raccomandano di sottoporre i pazienti ad alto rischio di sviluppare una CIN a idratazione pre-procedurale. Degno di menzione è il fatto che tale raccomandazione ha un livello di evidenza C, cioè deriva da «consenso degli esperti» in assenza di dati controllati. Recentemente, su una rivista importante ma di nefrologia, e quindi un pochino fuori dalla vista dei cardiologi, è uscita una revisione della letteratura sull’argomento, che conclude che il rischio di nefropatia da mezzo di contrasto è sovrastimato dai clinici(2).

La patogenesi della CIN è complessa, e verosimilmente multifattoriale. Le ipotesi più gettonate sono la vasocostrizione renale, che a sua volta causa ischemia midollare(3-4), e il danno da radicali liberi(5).

Molti trattamenti sono stati provati per prevenire questo evento, con risultati talmente altalenanti e inconsistenti che alla fine è rimasto in piedi solo il più semplice, cioè l’idratazione. Tra i vari tentativi, meritano una menzione il fenoldopam, vasodilatatore costosissimo, che ai prezzi attuali (235 euro a fiala) costa quasi più della coronarografia; l’N-acetil cisteina a vari dosaggi (il vecchio Fluimucil), che oltre che curare la bronchite cronica avrebbe dovuto proteggere anche i reni, e molti altri. Alla fine, dopo tanti tentativi è rimasta solo l’idratazione.

Più recentemente dall’Olanda è arrivato un risultato che ha lasciato tutti perplessi(6). Gli autori hanno randomizzato 660 pazienti per i quali le linee guida raccomandano l’idratazione pre-procedurale (pazienti con filtrato renale compreso tra 30 e 59mL/min), a ricevere un’idratazione con soluzione fisiologica (1mL/kg/ora 12 ore prima e 12 ore dopo la procedura, o 3-4mL/kg/ora 4 ore prima e 4 ore dopo la procedura) oppure nessuna idratazione. Il lavoro è stato pubblicato su Lancet, non su una rivistina parrocchiale. L’endpoint primario era la comparsa di una CIN, definita classicamente come l’incremento della creatinina post-procedurale superiore del 25% rispetto al valore basale, o un aumento di 44 micromoli. Lo studio è stato disegnato come uno studio di non inferiorità. I risultati hanno evidenziato che l’incidenza della CIN è stata praticamente sovrapponibile (2.6% con l’idratazione contro 2.7% senza idratazione). Dove le due strategie si sono diversificate è stato negli eventi avversi, con 13 casi di scompenso cardiaco sintomatico nei pazienti sottoposti a idratazione. Nessun paziente ha avuto bisogno di ricorrere alla dialisi o all’ammissione in terapia intensiva. Anche la durata dell’ospedalizzazione è stata superiore di un giorno nei pazienti sottoposti a idratazione.

La conclusione degli autori è stata che non sottoporre a idratazione i pazienti con disfunzione renale lieve moderata è non inferiore a una strategia di idratazione profilattica.

Questo studio nella sua semplicità ha naturalmente generato molti commenti, alcuni tecnici, altri statistici, ma nella sua semplicità è ammirevole e ci dovrebbe insegnare (come scritto su Medscape) a: (a) diffidare delle opinioni degli esperti; (b) guardare con sospetto a opinioni non supportate da dati controllati; (c) a riconsiderare la stessa esistenza della CIN. Naturalmente questi risultati non applicano ai pazienti con filtrato inferiore a 30 mL/min.

Bibliografia:

  1. Lewington A, MacTier R, Hoefield R, Sutton A, Smith D, Downes M. Prevention of contrast induced acute kidney injury (CI-AKI) in adult patients. London: The Renal Association, The Royal College of Radiologists and The British Cardiovascular Intervention Society, 2013. Available from: https://www.rcr.ac.uk/publications.aspx?PageID=310&PublicationID=391
  2. Emilee Wilhelm-Leen, Maria E. Montez-Rath, Glenn Chertow. Estimating the Risk of Radiocontrast-Associated Nephropathy. JASN 2017 28 no. 2 653-659.
  3. Weisberg LS, Kurnik PB, Kurnik BR. Radiocontrast-induced nephropathy in humans: Role of renal vasoconstriction. Kidney Int. 1992; 41: 1408–15.
  4. Brezis M, Rosen S, Silva P, Epstein FH. Selective vulnerability of the medullary thick ascending limb to anoxia in the isolated perfused rat kidney. Clin. Invest. 1984; 73: 182–90.
  5. Tumlin J, Stacul F, Adam A, et al. Pathophysiology of contrast-induced nephropathy. J. Cardiol. 2006; 98: K14–20.
  6. Nijssen EC, Rennenberg RJ, Nelemans PJ, et al. Prophylactic hydration to protect renal function from intravascular iodinated contrast material in patients at high risk of contrast-induced nephropathy (AMACING): A prospective, randomised, phase 3, controlled, open-label, non-inferiority trial. Lancet 2017; DOI:10.1016/S0140-6736(17)30057-0.

[Scarica l’articolo in PDF]

Claudio Fresco
Presidente eletto Responsabile Scientifico Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche Azienda Ospedaliero-Universitaria “Santa Maria della Misericordia” - Udine

No comments yet.

Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]

lo sguardo altrui

Forse la letteratura non serve a niente, non possiamo escluderlo. E non voglio affatto escluderlo. O forse la letteratura serve […]