A cura di Seena Padayattil

Un’analisi di sopravvivenza a 15 anni dei pazienti che avevano partecipato al COURAGE trial non mostra un miglioramento nel gruppo sottoposto a rivascolarizzazione percutanea rispetto a terapia medica ottimale (HR 1,03 CI 95%, 0,83-1,21; p=0,76).

Lo studio originale, il COURAGE (Clinical Outcomes Utilizing Revascularization and Aggressive Drug Evaluation), aveva randomizzato 2287 pazienti, con dimostrata cardiopatia ischemica stabile, alla terapia medica ottimale oppure alla rivascolarizzazione percutanea (PCI) + terapia medica ottimale. Dopo un follow-up con una mediana di 4,6 anni, lo studio non aveva dimostrato alcun beneficio dalla rivascolarizzazione percutanea. Tuttavia le curve di sopravvivenza a 5 anni mostravano una tendenza a divergere, facendo ipotizzare un beneficio a lungo termine dalla procedura di PCI. Ora un follow-up di quasi 15 anni, per circa la metà dei partecipanti, smentisce questa ipotesi.

Che la terapia medica sia ottimale, quindi, e lo sia anche nei nostri pazienti, che non sempre son trattati farmacologicamente bene così come è avvenuto nei pazienti arruolati al COURAGE!

Padayattil courage F1

[Scarica l’articolo in formato PDF]

Seena Padayattil
Ricercatrice presso il Dipartimento di Cardiologia dell'Università di Padova.

a volte un piccolo editore

“A volte un piccolo editore”, mi verrebbe da ripetere, anche qui, subito dopo il titolo. Per provare a ribadire che […]

un piccolo torto letterario

Può darsi che alcuni di noi, ieri mattina, abbiano avuto un moto di stupore nel sentire il nome di Giorgio […]

la rete di un grande destino

Scrivo di Europa, se ne avete voglia. Poche righe, qualche appunto, solo per ricordare a me stesso (e a chi […]

sensi di colpa

Siamo arrivati al punto: dobbiamo pagare le tasse. Io e la mia compagna, in questi giorni di caldo mediterraneo (qualità […]

libri che cerchiamo

Se avete voglia, anche oggi, di parlare di libri, io credo che possiate partire da qui. Dalla secca ma puntuale […]